ravioli burro e salvia
Primi Piatti Ricettario

Ravioli burro e salvia

Ricetta degli agnolotti emiliani

Ravioli burro e salvia fatti in casa

Agnolotti burro e salvia

Ricetta agnolotti fatti in casa
Ravioli emiliani ricetta

Ravioli burro e salvia, chi non li ha mai mangiati una volta nella vita? Uno dei piatti più famosi della regione Emilia Romagna insieme a prelibatezze come il gnocco fritto, la piada e tanti altri. Questa ricetta me l’ha regalata la mamma emiliana di un mio collega che li prepara molto spesso per i suoi cari. Questi scrigni di pasta che per tradizione sono ripieni con un tritato di carne, spesso li troviamo anche con spinaci e ricotta, di zucca ecc…..

Ravioli burro e salvia sono forse il condimento più usato insieme al classico pomodoro per esaltarne il gusto. In Piemonte si chiamano anche agnolotti e spesso vengono serviti con il ragù di cinghiale o con il sugo d’arrosto.

Sicuramente la pasta fatta in casa ha un procedimento lungo ed impegnativo. La tradizione emiliana vuole che la pasta venga tirata al mattarello ma non è così facile come può sembrare. Per chi non è pratico, consiglio l’uso di una macchinetta per la pasta per tirare al meglio la sfoglia. Preparate quindi i vostri ravioli col ripieno di carne di manzo, pan grattato e tutti gli ingredienti, sarete soddisfatti del risultato ottenuto.

La ricetta dei ravioli emiliani

Ingredienti

  • 300 gr di tritato di manzo
  • 400 gr di farina
  • 200 gr di pangrattato
  • 2 cipolle
  • burro
  • 2 uova
  • 50 gr di formaggio da grattugiare
  • 4 carote
  • 4 sedani
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco
  • sale
  • pepe

Preparazione

Tagliate rondelle sottili la cipolla e passate al mixer le carote ed il sedano. In una pentola antiaderente, mettete un po’ di burro e fate appassire le verdure a fuoco basso per una decina di minuti. Trascorso il tempo, toglietele dal fuoco e mettetele da parte. Fate rosolare la carne per qualche minuto, uniteci il trito di verdure, sfumate con il vino e insaporite con il sale e pepe. Quando il vino sarà evaporato, coprite il tutto con dell’acqua e cuocete a fuoco bassissimo per almeno cinque ore. Se la carne dovesse asciugarsi troppo, consiglio di bagnarla ancora con dell’acqua.
Trascorso il tempo, scolate la carne e mettetela in una capiente terrina, uniteci il pangrattato, le uova, il formaggio grattugiato e il fondo di cottura della carne, passato al mixer. Mescolate bene e lasciatela riposare in frigorifero per almeno 6 ore.

Trascorso il tempo di riposo……


…..fate una fontana con la farina, praticate un buco nel mezzo e inseriteci le uova. Mescolate gli ingredienti molto bene finché non otterrete un composto omogeneo. Tiratela quindi fino ad ottenere uno strato molto sottile, io consiglio la macchinetta per la pasta, quindi fate delle strisce larghe circa 40 cm. Prendete il ripieno dal frigo e mettete un po’ di prodotto a mucchietti a distanza regolare ricavandone 4 file nella parte bassa della pasta. In ultimo, quando avrete terminato, coprite con la parte superiore (come se chiudeste un libro) e fate in modo che i lembi combacino perfettamente. Passate la mano tra un bozzolo e l’altro per delimitare l’agnolotto e con la rotellina dentata tagliateli.
In ultimo, cuoceteli per qualche minuto in acqua salata e bollente e conditeli con burro e salvia.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *